Foto: SIF Loppiano

Centri d'incontro e cittadelle

Nel 1964 nasce a Loppianovicino a Firenze, la prima cittadella del Movimento dei Focolari. Attualmente vi vivono circa 900 persone di una settantina di Paesi, soprattutto giovani e famiglie, di cui la maggior parte per un periodo di formazione e pressoché  un terzo in modo permanente. L’idea base di queste cittadelle, che sono ormai una trentina nel mondo intero, è essere la testimonianza viva che è possibile fondare una società sulla legge fondamentale dell’amore reciproco. 

A seconda del paese in cui si trovano queste cittadelle hanno caratteristiche proprie: quelle del  Brasile e delle Filippine sono legate ad attività sociali, quella degli Stati Uniti è un luogo di dialogo tra razze e religioni; in Germania, la città-pilota di Ottmaring (Augsburg) ha una dimensione ecumenica.  In Camerun, a Fontem, la cittadella è divenuta un modello di sviluppo. La popolazione che viveva in quella zona era infatti in via di estinzione a causa della elevata mortalità infantile; la città ivi sorta attorno al primo ospedale è ora il centro fiorente di tutta una regione. 

In Svizzera, a Baar (Zugo) è nata nel 1976 la cittadella Pietra Angolare (foto) con il suo centro di incontri.  In nostro paese ospita a Montet (Broye friburghese) anche il secondo centro internazionale di formazione dei focolarini e dei giovani del Movimento dei Focolari.

Link verso il sito della cittadella "Pietra angolare" (Baar)

Link verso il sito del Centro Internazionale di incontri e di formazione (Montet)